CKAN: abilitare file storage

Dopo aver visto come installare CKAN e aggiungere un utente amministratore, in questo post vediamo come abilitare il file storage al fine di ottenere anche un pulsante Upload in fase di caricamento dei dataset.
Se avete installato e iniziato a provare la piattaforma vi sarete accorti che, nel momento in cui si aggiunge un dataset, di default accetta solamente URL e non permette l’upload di file. Questa modalità può risultata molto scomoda, sopratutto se gli utilizzatori saranno utenti poco esperti.

ckan-dataset-uploadURL

A questo punto apriamo il server in cui si trova CKAN e creiamo una cartella che utilizzeremo per il file storage, impostando anche i relativi permessi.

sudo mkdir -p /var/www/ckan/data
sudo chown www-data /var/www/ckan/data
sudo chmod u+rwx /var/www/ckan/data

Successivamente modifichiamo il file production.ini, tramite il comando:

sudo nano /etc/ckan/default/production.ini

andiamo a cercare il blocco di codice [app:main]
ed in coda scriviamo queste due righe:

ofs.impl = pairtree
ofs.storage_dir = /var/www/ckan/data

Salviamo il file editato e riavviamo il server.
Ora verifichiamo che tutto funzioni correttamente; andando ad aggiungere un nuovo dataset vedremo il nuovo pulsante Carica disponibile accanto al pulsante Link.

ckan-dataset-upload

Ubuntu: utilizzare SSH senza password

In questo articolo vedremo come scambiare le chiavi per effettuare un SSH tra un host locale ed uno remoto senza utilizzare ogni volta la password dell’utente.
Generalmente si utilizza il comando:

ssh user@remotehost.com

che richiede la password di user.

A questo punto andiamo sul terminale del nostro host locale e generiamo una coppia di chiavi:

ssh-keygen -t dsa

Di default il file è salvato in /home/nomeutente/.ssh/id_dsa.pub
Quindi spediamo il file id_dsa.pub all’host remoto con:

cd /home/nomeutente/.ssh
scp id_dsa.pub user@192.168.1.2:./id_dsa.pub

Naturalmente il 192.168.1.2 è l’IP dell’host remoto che andrà sostituito con l’IP del server remoto.

Ora andiamo sul server remoto con

ssh user@192.168.1.2

Inseriamo la password ed eseguiamo le seguenti operazioni:

mkdir .ssh
cd .ssh
touch authorized_keys2
chmod 600 authorized_keys2
cat ../id_dsa.pub >> authorized_keys2
rm ../id_dsa.pub

Al termine possiamo uscire dalla sessione SSH e provare ad entrare senza utilizzare la password dell’utente.

Partecipazione e grande interesse per #xpaddio

2014-04-05 10.53.55

Partecipazione e grande interesse da parte di giovani, imprese e dipendenti di Pubbliche Amministrazioni per la giornata divulgativa TI PRESENTO IL SOFTWARE LIBERO -Chiudete la finestra, addio Windows XP, che si è svolta sabato 5 aprile, presso il Dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università di Perugia, per iniziativa dell’associazione GNU/Linux User Group di Perugia, in collaborazione con LibreUmbria e il Centro di Competenza sull’Open Source dell’Umbria.

La giornata, che è iniziata con un intervento di Italo Vignoli, membro del board of director di Document Foundation, dal titolo “Bye bye XP, finalmente liberi” è proseguita con altri talk finalizzati a presentare strumenti open source di uso quotidiano che andavano dalla gestione posta elettronica, alla navigazione, al fotoritocco alla produzione di ebook.

Non poteva mancare il contributo di LibreUmbria con Alfredo Parisi, tra i coordinatori del progetto, che ha messo in evidenza in una presentazione le differenze tra LibreOffice e Office.

La giornata è stata proposta in occasione della cessazione del supporto per Microsoft Windows XP e Office 2003 fissata per l’8 aprile, che porrà aziende, pubbliche amministrazioni e privati di fronte ad una scelta non banale: acquistare un nuovo computer con aggiornata licenza Windows, tenere il vecchio pc e il vecchio XP con tutti i rischi per la vulnerabilità del sistema oppure scegliere software libero senza aggravi di costi né per il computer né per il nuovo sistema operativo.

Nel corso della mattina, oltre a talk mirati sull’argomento e che hanno messo in evidenza i rischi concreti ai quali ci si sottopone lasciando Windows XP, nei laboratori appositamente predisposti per dimostrazioni pratiche sono stati “riconvertiti” a Linux anche alcuni computer che saranno donati ad una scuola.

“Abbiamo predisposto – afferma il presidente del GNU/LUG Perugia Claudio Cardinali – dei questionari finalizzati a rilevare i fabbisogni formativi delle persone intervenute perché ci rendiamo conto che scegliere software libero significa anche doversi formare sulle funzionalità di nuovi programmi”. Oltre, infatti, alle iniziative già proposte dall’associazione perugina come le Linux night mensili, la mailing list e altri eventi divulgativi, c’è il desiderio di organizzare, a partire dai prossimi mesi, corsi di formazione mirati e ritagliati sulle specifiche necessità di chi si vuole avvicinare all’open source.

Per chi ha ancora un XP e conserva indecisione sul da farsi, l’idea da farsi venire è indubbiamente quella di scegliere open source. Magari chiedendo un aiuto che di sicuro non mancherà.

CKAN: inserire un utente

Nel post precedente, abbiamo visto come installare CKAN 2.2
In questo articolo procediamo con la creazione di un utente amministratore di sistema.

Da terminale installiamo:

sudo apt-get install python-pastescript

Nel frattempo scegliamo un nome utente (in questo esempio admin). Per attivare il comando paster abbiamo bisogno di dare nel terminale:

. /usr/lib/ckan/default/bin/activate
cd /usr/lib/ckan/default/src/ckan

Se avete utilizzato il file development.ini useremo:

paster sysadmin add admin -c /etc/ckan/default/development.ini

Se avete utilizzato il file production.ini useremo:

paster sysadmin add admin -c /etc/ckan/default/production.ini


Se l’utente admin non esiste, vi sarà chiesto di crearlo e in seguito bisognerà inserire la password.

Per verificare che tutto sia stato creato in modo corretto, facciamo login sul nostro server tramite browser web:

http://192.168.1.107:8080/user/login

Per conoscere tutti i comandi dedicati agli utenti, possiamo digitare:

paster sysadmin –help

Ulteriori due opzioni da personalizzare, possono essere la lingua italiano di default e disabilitare la registrazione utenti.
In entrambi i casi bisogna modificare il file:

sudo nano /etc/ckan/default/production.ini

Per settare la lingua italiana bisogna modificare le righe:

ckan.locale_default = it
ckan.locales_filtered_out = it

Per disabilitare la registrazione utenti, bisogna settare a false la riga:

ckan.auth.create_user_via_web = false

Perugia: “Ti presento il software libero” #xpaddio

Mancano ormai pochi giorni all’evento organizzato dall’associazione GNU/Linux User Group di Perugia, in collaborazione con il gruppo di lavoro LibreUmbria e il Centro di Competenza sull’Open Source dell’Umbria.
La giornata divulgativa, dal titolo “TI PRESENTO IL SOFTWARE LIBERO -Chiudete la finestra, addio Windows XP”, è prevista sabato 5 aprile dalle ore 9 alle 13 presso le aule del Dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università di Perugia.
La giornata, organizzata in occasione della cessazione del supporto per il più famoso sistema operativo Microsoft Windows XP oltre che per la suite Office 2003 fissata per l’8 aprile 2014, è rivolta a tutti coloro che desiderano conoscere soluzioni open source per l’informatica di base, per il lavoro e lo studio o per la gestione familiare.
ti-presento_linux
Obiettivo di “Ti presento il software libero” è presentare in modo semplice e chiaro le alternative open source a software proprietari di uso comune. I temi trattati saranno riferiti alle distribuzioni Linux, a strumenti di navigazione e gestione posta elettronica, office automation con LibreOffice, soluzioni per la gestione della grafica, degli ebook e della musica.
Oltre alla parte convegnistica di presentazione, saranno allestiti dei tavoli “di prova” con personale disponibile a mostrare nella pratica quanto semplice, accessibile e di qualità sia il software libero.
A sabato, vi aspettiamo numerosi!
Informazioni dettagliate su http://xpaddio.perugiagnulug.org/
Hashtag della giornata #xpaddio e #conlinuxpuoi